Regolamento Interno - Consorzio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Regolamento Interno

Consorzio


Deliberato dall’Assemblea dei soci il 24/04/2009



Inosservanza degli adempimenti statuari

Art 1. La garanzia del pagamento da parte dei soci della quota di loro spettanza relativa alle polizze assicurative agevolate è ritenuta necessaria ai fini dell’accesso all’agevolazione pubblica. Al Consorzio di Difesa non può spettare il contributo pubblico per la parte delle suddette polizze per le quali il socio non abbia ottemperato al pagamento della propria quota.

Art 2. In caso di danno da eventi atmosferici avversi alle colture assicurate, i soci che, al momento della presentazione dell’istanza di contributo a saldo da parte del Consorzio di Difesa, risultino insolventi relativamente al pagamento delle quote di loro spettanza, non hanno diritto a percepire l’indennizzo dei danni da parte della Compagnia assicuratrice. Nessuna compensazione può essere effettuata tra quota assicurativa da versare ed eventuale risarcimento danni.

Art 3. I soci che, al momento della presentazione dell’istanza di contributo a saldo da parte del Consorzio di Difesa, risultino insolventi relativamente al pagamento delle quote di loro spettanza dovranno corrispondere al Consorzio di Difesa l’intero premio pagato dal Consorzio stesso alla Compagnia assicuratrice.

Art 4. Il socio che sottoscrive coperture assicurative agevolate è obbligato alla corresponsione del premio dovuto alla Compagnia assicuratrice nella sua interezza salvo quanto erogato dalla Pubblica Amministrazione a titolo di contributo. Pertanto, in caso di insufficienza degli stanziamenti pubblici rispetto alla quota di premio agevolato a carico dell’Amministrazione, esso è tenuto a corrispondere al Consorzio di Difesa la residua parte di premio fino alla concorrenza dell’importo pagato dal Consorzio medesimo alla Compagnia assicuratrice.

Art 5. In caso di inosservanza delle norme previste dallo Statuto ed in particolare degli artt. 5 (punti 1 e 2) e 12 (punti a, b, c) si applicheranno le seguenti sanzioni:
a) Periodo di morosità inferiore ai 3 mesi: maggiorazione della somma dovuta di € 200,00.
b) Periodo di morosità compreso tra 3 mesi e 1 anno: maggiorazione della somma dovuta di € 200,00 oltre gli interessi legali al tasso massimo applicabile consentito dalla legge.
c) Periodo di morosità superiore all’anno: maggiorazione della somma dovuta di € 200,00 oltre gli interessi legali al tasso massimo applicabile consentito dalla legge e sospensione dai diritti consortili.
d) Ripetuta morosità: pagamento immediato (non differito) della polizza assicurativa stipulata nelle due annate successive all’ultima morosità.
e) In caso di morosità di un socio, vengono persi dallo stesso tutti i diritti statutari sino alla regolarizzazione della propria posizione.

Art 6. Lo stato di morosità scatta automaticamente alla data di scadenza del pagamento delle somme dovute e dovrà essere comunicato all’interessato, mezzo raccomandata A/R, entro 30 giorni da detta data.

Art 7. Qualora un Consorziato non ritenesse giustificati i provvedimenti presi a suo carico dal Consiglio di Amministrazione potrà ricorrere all’Assemblea dei soci presentando istanza al Consorzio tramite raccomandata A/R entro 10 giorni dal ricevimento della comunicazione di morosità. L’assemblea dovrà essere convocata entro 20 giorni dal ricevimento dell’istanza. Durante tale periodo l’esecutività dello stato di morosità non viene sospesa con le conseguenze del caso. In caso di parere negativo dell’Assemblea le spese di convocazione saranno a carico del socio che ha presentato l’istanza.



Votazioni e nomina degli Amministratori
Art 8. A mente dell’articolo 18 dello Statuto, l’Assemblea è convocata dal Presidente del Consiglio di Amministrazione o da chi ne esercita le funzioni, mediante avviso da affiggersi nei locali del Consorzio e da comunicarsi a ciascun socio a mezzo di lettera da spedirsi almeno 15 giorni prima dell’adunanza o, in alternativa, mediante pubblicazione sui principali quotidiani locali almeno dieci giorni prima dell'adunanza.

Art 9. L’avviso di convocazione deve contenere l’indicazione del luogo, giorno ed ora e dell’Ordine del Giorno. Nello stesso avviso dovrà essere indicata la data per l’eventuale seconda convocazione.

Art 10. Per l’elezione del Consiglio Direttivo, del Collegio Sindacale e del Collegio dei Probiviri, possono essere presentate più liste sottoscritte da almeno 20 soci aventi diritto al voto e contenere la dichiarazione di accettazione da parte dei candidati. Le liste debbono essere presentate non più tardi di cinque giorni prima di quello fissato per l’Assemblea in prima convocazione.

Art 11. Le liste debbono indicare nome, cognome e domicilio di ciascun candidato.

Art 12. Qualora nell’Assemblea siano state votate più liste, i seggi del Consiglio Direttivo sono attribuiti nella misura di due terzi alla lista che ha riportato il maggior numero di voti ed il restante terzo alla lista che segue nell’ordine dei voti riportati.

Art 13. In caso di presentazione di più liste, il socio potrà indicare la sua preferenza a candidati fino a due terzi dei consiglieri da eleggere. In mancanza della indicazione di preferenza, si considereranno eletti i primi candidati segnati nella lista fino alla concorrenza dei due terzi e rispettivamente del restante terzo da eleggere.

Art 14. Il seggio elettorale è presieduto del Presidente del Consorzio o da un suo delegato, il quale nominerà un segretario che potrà anche essere non socio e si farà assistere da due o più scrutatori, scelti possibilmente tra i presentatori delle liste.

Art 15. Eventuali reclami contro le liste debbono essere presentati al Presidente del seggio prima dell’inizio delle operazioni di voto.

Art 16. Sono ammessi al voto i soci che risultano iscritti nel libro dei soci da almeno tre mesi. Ciascun socio avente diritto al voto può farsi rappresentare da altro socio mediante delega scritta. Un socio non può rappresentare più di altri due soci, oltre alle ragioni proprie.

Art 17. Sono eleggibili alla carica di amministratori tutti i soci iscritti al Consorzio da almeno 3 anni e che nello stesso periodo non risultino essere stati morosi relativamente al pagamento di tutte le quote consortili dovute. È eleggibile alla carica di Presidente il socio che abbia maturato almeno un mandato in qualità di Consigliere.

Art 18. Il seggio elettorale decide a maggioranza di voti sopra ogni contestazione che dovesse sorgere in merito alla votazione ed alle relative operazioni. Il segretario ha voto consultivo.

Art 19. Quando sia riconosciuta nulla la nomina di qualche consigliere oppure se qualche consigliere validamente eletto comunica espressamente di rinunciare alla carica, resta eletto il candidato della stessa lista che segue nel numero di voti riportati. L’esito della votazione è pubblicato nell’Albo del Consorzio e contemporaneamente comunicato agli eletti. Consulenza Tecnica.

Art 20. Per l’attività connessa con le forme di assistenza tecnica di cui all’articolo 3 dello Statuto, il Consorzio si avvarrà o potrà avvalersi dell’opera di un Direttore Tecnico e di eventuali altri Collaboratori, anche in forma non continuativa e senza rapporto di dipendenza diretta, purché di riconosciuta preparazione ed esperienza.

Art 21. Le forme di assistenza tecnica saranno deliberate dal Consiglio Direttivo tenuto conto dei suggerimenti e della volontà manifestata dall’Assemblea Generale dei soci. Scelta delle Compagnie di Assicurazione.

Art 22. Al fine di garantire le migliori condizioni contrattuali a favore dei propri soci, il Consorzio di Difesa, nell’individuazione dei contraenti ai quali affidare il servizio relativo all’assicurazione agricola agevolata, deve procedere all’adozione di procedure trasparenti nell’individuazione del contraente garantendo il più ampio coinvolgimento delle principali Compagnie Assicuratrici operanti in Italia autorizzate, a norma di legge, ad operare nel ramo danni.

Art 23. Fermo il disposto dell’art. 21, spetta al Consiglio di Amministrazione del Consorzio di Difesa la scelta della procedura più idonea a garantire i principi di trasparenza e adeguatezza delle condizioni contrattuali.

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu